La 1º rivista digitale nata in Italia sulla tecnica del Carpfishing – 2011-2022
La 1º rivista digitale nata in Italia sulla tecnica del Carpfishing – 2011-2022
Carpfishing Ledro lake

Carpfishing Ledro lake

Condividi


Carpfishing Ledro lake

 

Carpfishing Ledro lake

 

Oggi vi parlo di uno stupendo lago alpino situato nella valle di Ledro in Trentino Alto Adige dove da un paio di anni mi reco in vacanza con la mia famiglia nel mese di Settembre.

Questo lago io lo definisco a misura d’uomo poichè dal punto di vista dello sport non occorre essere tanto allenati per poterlo nuotare nella sua interezza oppure correre i 10 km del suo perimetro, scusate se sono uscito un attimo fuori tema ma essendo lo sport di endurance l’altra mia passione al pari del carpfishing non potevo non dirlo.

Venendo invece subito al tema di questo articolo, diciamo che la tecnica del carpfishing è poco praticata in questo lago anche se in passato sono state fatte alcune catture basta fare una ricerca mirata sul web per vederle.

Quest’anno finalmente ho deciso di dedicarci qualche giorno dando quindi naturalmente priorità alla famiglia. Ho utilizzato un gommone della linea Ventus 230cm provvisto di motore elettrico 30 libbre Minnekota mediante il quale sono riuscito a farmi un idea delle varie profondità e degli spot migliori.

La fauna ittica presente è la seguente: la trota, il persico, l’alborella, il coregone, la tinca, il luccio e qualche anguilla e naturalmente la carpa che è possibile pescarla anche facendo la notte dal 1º Luglio al 30º Settembre.

Le tecniche di pesca a mio avviso da impiegare in questo lago sono: spinning, pesca all’inglese e a bolognese e naturalmente anche il carpfishing.

Gli spot migliori sono diversi ma io ve ne illustrerò solo tre ed è già molto, gli altri dovrete scoprirli da voi.

Il primo spot è situato proprio di fronte il ristorante-pizzeria di Franco e Adriana, posizione Nord-Ovest. Dalla spiaggia presente potrete lanciare i vostri inneschi in una profondità che va dai 4 ai 6 metri dove ho avuto alcune partenze naturalmente nelle ore buie.

Il secondo spot è proprio davanti al “Camping al lago” presente a Pieve di Ledro, posizione Ovest, dove anche lì dalla spiaggia presente è possibile lanciare cercando di posizionare i propri inneschi nelle stesse profondità del primo spot. Alla destra di quest’ultimo spot noterete il primo porticciolo.

Il terzo spot si trova invece in posizione Nord-Est ossia dove è situato il museo delle Palafitte, occorre pescare a 50 metri dalla riva e li ho individuato anche un piccolo canneto dove le carpe nuotano indisturbate.

Non preoccupatevi riguardo le zone proibite alla pesca poichè sono ben segnalate tramite delle boe.

Ho individuato comunque anche altri spot interessanti, grazie all’utilizzo del mio gommone Ventus 230 di Decathlon, in profondità anche fino a 12 metri d’acqua, eccovi alcuni screenshot effettuati con il Deeper Chirp+.

Carpfishing Ledro lake

Carpfishing Ledro lake

Per poter pescare occorre munirsi di permesso giornaliero o settimanale che hanno i seguenti costi: Giornaliero: 10 euro, Settimanale: 30euro.

Vi consiglio di appoggiarvi al negozio di Marco Casari (Casari Sport 2) presente a Pieve di Ledro dove potrete fare il permesso e avere maggiori informazioni, se ci passate salutatelo da parte mia.

Carpfishing Ledro lake

Di solito al mattino nella zona di Pieve di Ledro ci sarà un leggero moto ondoso poichè soffia sempre vento proveniente dal lago di Garda ossia da Est. Nella zona di Molina invece è più tranquilla.

Ho impiegato per la mia sessione le esche dell’azienda della Repubblica Ceca che rappresento ossia Mastodont Baits. In particolare ho impiegato le AK-Cko e le Worms nella versione dipped, barattoli dove all’interno troverete le stesse boiles della linea standard ma potenziate tramite alcuni boost a base di aminoacidi in forma L i più attrattivi nei confronti delle carpe. I diametro presenti all’interno dei barattoli sono 20-24 mm in modo da poter creare differenti inneschi e presentazioni di rigs sul fondale.

Riguardo le Ak-Cko sono boiles dal gusto salato, fruttato e piccante, possiedono un rapporto equilibrato tra farina di pesce ed estratti animali con abbondanza di carboidrati, completati da una combinazione di due aromi e due oli essenziali.

Tutte queste caratteristiche la rendono un esca adatta ad ogni stagione e per tutti i tipi di acqua.

Le worms invece rappresentano un esca unica per la loro composizione. Questa esca è adatta a tutti i tipi di acqua, contiene un’elevata quantità di proteine ​​animali, estratti di animali marini, una miscela di spezie piccanti ed essenze di prim’ordine.

Carpfishing Ledro lake

Gli inneschi da me utilizzati sono stati due.

Sul primo ho innescato una singola boile da 20mm Ak-Cko su un classico D-rig montato con monofluorocarbon Anaconda da 0,25 libbre collegato ad un trave munito di piombo da Method Mix.

Carpfishing Ledro lake

Il secondo innesco invece è stato presentato con un multi rig munito di anellino e piccolo elastico al quale ho applicato una singola boile Worms da 20mm, il tutto collegato ad un trave munito di safety clip.

Vista la durezza dell’acqua e la sua trasparenza consiglio vivamente il monofluorocarbon come materiale per creare i vostri terminali. Vi consiglio anche un terzo rig ossia il chod rig da presentare con una piccola pop-up Mastodont baits Mulberry. Quest’ultimo rig realizzato con un piccolo amo provvisto di occhiello rovesciato all’esterno ha creato interesse nel pesce infatti ho avuto diversi attacchi.

La minuteria impiegata è dell’azienda ANACONDA

Per essere la prima volta posso ritenermi soddisfatto ho portato a guadino una bella carpa ed un cavedano, quest’ultimo non lo catturavo da anni. Entrambi catturati in 5 metri d’ acqua con la tecnica del carpfishing.

Carpfishing Ledro lake

Spero di esservi stato utile e vi consiglio vivamente di andare a immergere le vostre lenze in questo stupendo lago alpino almeno una volta, ne rimarrete stregati.

Iscriviti al canale Youtube CarpmagazineTV ed attiva la campanella per ricevere le notifiche dei prossimi video grazie mille 😉

Testo e foto di Donato Corrente – www.CarpMagazine.it-



Condividi

Lascia un commento