La 1º rivista digitale nata in Italia sulla tecnica del Carpfishing – 2011-2021
La 1º rivista digitale nata in Italia sulla tecnica del Carpfishing – 2011-2021
Liquid food

Liquid food

Condividi


Liquid food

Liquid food
Fegato liquido con aggiunta di zucchero di canna liquido pronto per essere conservato in frigorifero

Il primo video dove parlavo dei cibi liquidi risale a più di dieci anni fà, per chi fosse nostalgico o per chi non l’avesse ancora visto eccovi il link diretto qui: Cibi Liquidi.

Detto questo, gli anni sono passati e tante sono oggi le aziende che hanno a catalogo una linea completa di liquid food pronti all’uso. Ma noi accaniti appassionati di self-made, preferiamo a volte crearci i nostri liquid food in casa e quindi eccovi un refresh delle materie prime che possiamo impiegare per la loro creazione e che è possibile reperire con facilità in qualsiasi supermercato. Inoltre vi ricorderò anche i metodi di utilizzo e di conservazione degli stessi, ma procediamo con ordine.

Liquid food

Cercherò di essere schematico quindi:

Liquid food
A sinistra pollo tagliato in pezzetti, a destra fegato

Materie prime:

100grammi di vongole, cozze(anche di fiume), gamberetti, calamari, seppie, salmone, sgombri, tonno

100grammi di fegato, pollo, tacchino, reni, cuore

Scatolette per cani o gatti ci possono tornare utili e sono disponibili sia di carne che di pesce.

Ci occorrerà un frullatore ad immersione e dello zucchero di canna liquido che possiamo trovare al supermercato oppure crearlo anche questo in casa.

Eccovi la procedura per lo zucchero liquido:

in un pentolino fate riscaldare 500ml di acqua senza portarla ad ebollizione, inserite gradualmente 1kg di zucchero di canna o normale mescolando senza far formare grumi o farlo attaccare al fondo del pentolino, una volta sciolto tutto spegnete e fate raffreddare continuando a mescolare, inserite il tutto possibilmente in una bottiglia di vetro.

Una volta scelta la fonte del vostro liquid food ed avete anche lo zucchero liquido possiamo procedere alla sua realizzazione.

Liquid food
Inseriamo nel frullatore 200gr di fegato in pezzetti, 10gr di spezie miste e 10ml di olio

In un frullatore ad immersione inseriamo 100gr della materia prima scelta, possiamo anche fare un mix tra carne e pesce, inseriamo 60ml di zucchero liquido, e  frulliamo il tutto fino ad ottenere un liquido come quello presente nella foto all’inizio di questo articolo. Possiamo adesso utilizzarlo subito per 1kg di mix secco o congelarlo per un futuro utilizzo.

Vi ricordo che sul canale Youtube Carpmagazine TV al quale vi invito ad iscrivervi ed attivare la campanellina per ricevere tutti i nuovi video è presente un video un pò datato ma ancora valido riguardo il procedimento per creare olio e dolcificante in casa.

Nel momento in cui lo utilizzeremo nel mix aggiungete 10gr di sale, 10gr di spezie miste soprattutto se pescate in Inverno e 10ml di olio all’aglio o al Chill che emulsioneremo con della lecitina liquida (video presente qui ) vi invito a leggere anche questo articolo “Non solo spezie” non ve ne pentirete parola di angler. Dosi sempre per kg di mix e preferibilmente per acqua con temperatura sotto i 13 gradi.

Spero di avervi dato qualche buon suggerimento per la creazione dei vostri liquid food, riguardo il mix visto che ci troviamo in Inverno, il mio consiglio è quello di impiegare lo storico mix 50/50 inventato negli anni 80 dall’azienda Richworth facile da reperire, rollare ed avente caratteristiche di carrier ossia la capacità di veicolare  con facilità gli elementi attrattivi-nutritivi all’interno dell’acqua.

Consiglio di inserire una piccola percentuale di caseinato di sodio non superiore ai 50gr per kg di mix rispetto alla classica caseina, poichè risulta più solubile in acqua e più digeribile.

Inoltre cercate di impiegare il semolino precotto, la soia tostata e sostituite la classica farina di mais con dei classici corn flakes micronizzati precedentemente. Tutto questo perchè come abbiamo gia detto piu volte gli amidi presenti nella soia non tostata, mais e semolino vengono assimilati con difficoltà dalle carpe poichè non riescono a scomporli.

Un altra soluzione è quella di impiegare anche una percentuale di Birdfood completo di tutto macronutrienti e micronutrienti fino anche al 50% del mix.

Inserite le uova il cui numero potrà oscillare tra le 7-8 e per il cibo liquido non penso abbiate ancora bisogno di suggerimenti…..

In bocca al lupo!!!!

Testo e foto di Donato Corrente -www.carpmagazine.it

 

 

 

 



Condividi

Lascia un commento