La 1º rivista digitale nata in Italia sulla tecnica del Carpfishing – 2011-2022
La 1º rivista digitale nata in Italia sulla tecnica del Carpfishing – 2011-2022
Sale nel mix

Sale nel mix

Condividi


Sale nel mix

Sale nel mix

Come abbiamo già detto nell’articolo “Aminoacidi conosciamoli meglio” e cioè che hanno il potere di ionizzare l’acqua una volta a contatto con essa creando delle variazioni del Ph, anche il sale ha questo potere.

Per capirci meglio, occorre dire che il sale già impiegato dal famoso Rod Hutchinson nei propri mix ha la capacità di aumentare la conducibilità elettrica della boile una volta che entrerà in contatto con l’ acqua. L’acqua infatti può veicolare sia le molecole positive e sia quelle negative.

La solubilità di una boile quindi significa quanto le molecole presenti all’interno degli ingredienti utilizzati siano caricati positivamente o negativamente in modo da legarsi con l’elemento liquido. 

Diventa fondamentale quindi che la nostra esca riesca ad assorbire acqua, più velocemente lo farà e più sarà attrattiva nel breve periodo, per breve periodo si intende le sessioni fast, mentre in caso contrario e per le sessioni più lunghe sarebbe opportuno una velocità di assorbimento più lenta e costante.

Sale nel mixMa quanto sale nel mix? Possiamo dire che 20gr per Kg di mix secco potrebbe essere la dose giusta.

In ultimo non dimentichiamoci che entra in gioco anche il valore del Ph dei vari aromi, complessi di aminoacidi, liquid food utilizzati nel mix, poichè a seconda della tipologia di acqua dove andremo ad inserire i nostri inneschi e cioè in acque con Ph acido o Ph neutro, esse risulteranno solubili o insolubili, avendo quindi risultati diversi in termine di pura attrazione nei confronti del ciprinide.

Se volete ancora approfondire il tema Ph leggete qui: Fattore PH

Autore Donato Corrente -carpmagazine.it



Condividi

Lascia un commento