La 1º rivista digitale nata in Italia sulla tecnica del Carpfishing
La 1º rivista digitale nata in Italia sulla tecnica del Carpfishing

Carpe in Estate Cap 1

Condividi


Il lockdown ci ha costretti in casa per alcuni mesi. Nella difficoltà di viverlo sono riuscito a trovare un lato positivo, pensando a come organizzare al meglio le mie sessioni di pesca di fine primavera e inizio estate.

Per essere pronto alla prima uscita di pesca ho predisposto i miei rigs e ho dippato le mie fidate boilies, le Mulberry & Crab di S-LINE Carpfood, un binomio decisamente interessante che andrò a testare in uno degli spot preferiti: la cava. 

Al momento del “via” ho improntato la pescata con una pasturazione a base di boilies Mulberry & Crab da 20 mm insieme a granaglie per creare una zona di interesse; essendo una cava parecchio difficile per la grande diffidenza delle “baffute” e per la notevole quantità di pesce di disturbo (compresi i gamberi killer), non ho voluto esagerare con la pasturazione onde evitare un possibile cappotto. 

In questa zona di acqua non é possibile utilizzare natanti, quindi mi sono affidato al cobra e allo spomb. X-SPOD 

In una settimana ho pasturato lo spot con circa un kilo e mezzo di boilies e un kilo di granaglie. 

Pronti e via. Alle 5.30 del sabato mattina ho calato le canne nello spot preparato con la massima cura e attenzione. Un paio d’ore dopo ho notato una grande attività in superficie, nei pressi del mio spot: le “baffute” erano alla ricerca di cibo!

Dopo pochi minuti ecco una bella partenza, seguita da un difficile e lungo combattimento: per estrarre la carpa dai rami delle piante circostanti sono dovuto entrare in acqua, sebbene non fosse di una taglia esagerata.

La carpa è entrata nel guadino, caduta su un innesco doppio affondante da 16 mm Mulberry & Crab. 

Una giornata tranquilla fino a sera, ma poco prima di smontare il campo per tornare a casa altre due “baffute” sono passate a trovarmi, attratte sempre dai miei inneschi di casa S-line Carpfood

Che giornata ragazzi! Non vedo l’ora di calare nuovamente le lenze.

Nel prossimo articolo vi parlerò di un altro pesce, il mitico Amur! A presto.

Testo e Foto di Lorenzo Cammerino -www.capmagazine.it

 



Condividi

Lascia un commento