La 1º rivista digitale nata in Italia sulla tecnica del Carpfishing

Puristi del Carpfishing

Condividi


Tanta è la passione per il Carpfishing, che appositamente scelsi a suo tempo un lavoro strutturato sui 3 turni per avere la possibilità della mezza giornata libera da dedicare alla pesca, difatti ad oggi il tempo che dedico al Carpfishing è:
•65/70 ore settimanali
•70/80 notti media annua
Pesco tutto l’anno e il mio programma annuale di pesca termina a Febbraio in fiume Po con acqua a 7° e riinizia a Marzo spostando la mia attenzione sulle piccole cave.
Gli ambienti di pesca sono svariati e vanno dal laghetto di 1 ettaro sotto casa all’immensità delle sue migliaia di ettari del Lago Maggiore.

Mi chiamo Roberto Toto e pratico il Carpfishing fin dal lontano 1998!!
Ho 42 anni, sono sposato e ho due figli, lavoro presso un’azienda metalmeccanica e svolgo la mansione di operatore meccanico.
Vivo a Torino, e ho la fortuna di avere il fiume Po a pochi chilometri da casa, dove ci pesco con assiduità, e dal quale nascono numerose cave e laghi naturali.

Amo variare la mia pesca confrontandomi con diversi tipi di piani d’acqua, prediligendo e selezionando ambienti wild, dove oltre a vivere a stretto contatto con la natura, ho la possibilità di praticare il “vero” carpfishing..
Lo studio a 360° di un piano d’acqua è per me fondamentale per centrare l’obbiettivo di pescare carpe e soprattutto le big che vi ci abitano.
Sono anche un apneista, e ho sfruttato questa passione immergendomi per cercare carpe, spot e vedere anche come si comporta un’esca immersa per sveriate ore..un conto è testare una boiles in una vaschetta, tutt’altra cosa è studiarne l’azione filmandola con telecamera subacquea a 3, 5 o 10 e più metri di profondità dove la pressione idrostatica fa lavorare la boiles in maniera differente e proporzionale alla profondità, ecco che si possono raccogliere così dati estremamente precisi anche sulla forza e i tempi di galleggiamento di una pop-up, dato che varia da una profondità all’altra.

Rullo Boilles ormai da 20 anni, conosco perfettamente il regno della “Boilles” avendo fatto innumerevoli esperimenti, test e prove di vario genere!!
Generalmente rullavo sui 2-3 quintali di mix l’anno.

Da quest’anno ho deciso di affidarmi a un’azienda che produce Boilie, proprio perchè preferisco dedicare più tempo alla pesca, anche se qualche oretta di tanto in tanto nel mio laboratorio la passo.

Roberto Toto -www.carpmagazine.it-



Condividi

Lascia un commento