Winter Session


Condividi


SAMSUNG DIGITAL CAMERANei periodi dell” anno, dove le temperature fredde e rigide dell inverno si  fanno sentire maggiormente, le nostre amate carpe  hanno un alimentazione molto meno attiva ed attenta  su cosa alimentarsi. Dicendo questo, andando ad affrontare una sessione in questi periodi bisognerebbe adattare certi tipi di esche, esche molto nutrienti perché il pesce capisca che la nostra boiles è ” Un Qualcosa ” di nutriente e gli faccia capire che è una buona alimentazione  per avere energia ! Allo stesso  che venga assimilata ed espulsa velocemente.

Bisogna anche  stare molto attenti quando si pasturano gli Spot scelti, altrimenti andremmo in cerca di bruciarlo subito. Ma di aver un approccio  molto cauto, ricordiamoci sempre  che il metabolismo  del pesce

con la temperatura dell’ acqua fredda è più rallentato .

squid+ black pepper+ asa 20 mm in dip

Squid+ Black pepper+ Asafoetida , nei periodi freddi una vera marcia in più

Nella mia ultima sessione avvenuta a fine Dicembre, in un lago Estero situato  in un contesto stupendo tra colline e foreste. Ho avuto il piacere di affinare  alcune tattiche di pesca invernale . Il lago era molto fermo,  alcune parole con i pescatori  nelle distanti poste  trapelavano e  non erano  molto confortanti. In più soffiava un forte vento da nord, ma per fortuna  il tempo era soleggiato! Montiamo tutto il materiale  e iniziamo ad andare in cerca di spoot  con il gommone,  individuo subito con l’ ecoscandaglio  un punto  dove c”è la presenza di alberi  sommersi  che  partono dallo scalino che va dai 6 metri e si adagiano fino ad arrivare agli  8.

Provo a sondare con la canna col piombo ed  il fondale  si presenta molto duro,  il lago è molto ricco di alimento naturale  specialmente di chioccioline  e le nostre amate baffone  sanno che in quelle legnaie ed alberi sommersi c”è cibo nutriente  e quindi passeranno ad alimentarsi! Mi è  capitato in altri laghi italiani ad esempio, il magnifico lago di Pusiano di pescare con temperature  di -5 esterni e con acqua  a temperatura di 4 gradi in  una profondità di 5 metri attorno  a degli alberi sommersi con presenza  di chioccioline e i pesci  frequentavano molto quei spoot sicuri ! Quindi decido di posizionarla li! La seconda canna decido di tenerla  in un area  che  si degrada lentamente  fino ad arrivare nel vecchio corso del fiume  in una profondità di 5m .

Legend boiles Mik Baits

Una pasturazione con esche molto nutritive ed allo stesso tempo espulse molto velocemente

Attuo  una pasturazione  molto leggera sulla canna vicino gli alberi sommersi , una decina di boiles  e sulla canna  sul fondale che degrada lentamente…  una quarantina belle sparse in una vasta area. Entrati bene in pesca verso il tramonto, iniziamo a vedere del movimento in acqua  e subito capiamo  che le ore perse al mattino a guardare il lago non erano state inutili ! Parte la prima canna  alberi sommersi , il pesce si fa sentire molto combattivo ma intuisco subito che era piccolina  ma già un buon  inizio, riposo la canna nuovamente e pasturo ancora  con una decina di boiles. Parte di nuovo lei,  la taglia si alza  … vado di nuovo a calarla e fino a mattino tutto tace . Alzatosi il sole e dopo aver bevuto un buon caffè caldo decido di controllare anche  la canna che non aveva dato nessun segnale , e di adottare  una pasturazione molto più leggera visto che la strategia aveva dato buon esito e decido di non pasturare visto che avevo abbondato il giorno prima.

Riposata la canna passano un paio di ore e si fa sentire proprio lei ,una partenza lenta  esco con il gommone e dopo un combattimento mozzafiato la guadino  una bella specchiotta sui 13 kg ! La tattica aveva dato un buon risultato.

Le partenze si alternano per giorni facendomi fare  molti pesci  senza pasturare troppo  e facendomi riflettere  su  molte cose sulla pesca in inverno nei grandi laghi ! Che saper gestire uno spoot curandolo  in ogni suo piccolo dettaglio –

Presenza di alimentazione naturale -Punti di passaggio del pesce-  Alberi sommersi -Scrutare l “acqua in un qualche segnale  e credo la più importante ”  dosare il giusto quantitativo di esche ” Queste per me sono i principi base , per dover affrontare una Winter Session  al Top con buoni risultati.

Autore Thomas Zanella per MikBaits Italia –www.carpmagazine.it

 



Condividi

Lascia un commento