Tutto in una notte

Condividi


image1La notte uno dei momenti secondo me migliori per andare a pesca. A volte preferisco una notte veloce in qualche lago o cava piuttosto che una giornata in cui il sole batte forte e la gente disturba la nostra azione di pesca.

A volte pescare nelle ore notturne comprende alcune difficoltà.

Ad esempio, non abbiamo la possibilità di vedere chiaramente come se stessimo pescando di giorno,di conseguenza a volte non si riesce nemmeno a capire realmente a che distanza si trova la riva opposta, non sappiamo realmente se stiamo pescando sempre nello stesso punto. Insomma, non possiamo avere la stessa sicurezza di essere in pesca in maniera giusta cosi da farci venire alcune preoccupazioni prima di metterci sdraiati sulla nostra branda.

Alcuni consigli che vi posso dare per riuscire a lanciare sempre nello stesso punto, può essere semplicemente quello di usare la clip sul image5mulinelo cosi da riuscire a lanciare sempre nello stesso spot. Inoltre un altra dritta può essere quella che se avete la possibilità di arrivare sulla postazione con ancora qualche spiraglio di luce, prendetevi dei punti di riferimento sulla riva opposta; alberi o anche i lampioni della luce per esempio, possono essere ottimi punti per riuscire a lanciare in modo costante nello stesso spot.

Che sia una sola notte, oppure una sola giornata, dobbiamo disporre di esche veloci, che riescano ad entrare in pesca in poco tempo e che siano subito percepite dalle nostre amiche baffute.

Un esca che mi viene in mente subito a pensare alla ” famiglia ” delle ” esche veloci ” sono ad esempio le PURE BANANA della Betackle. Un birdfood come base nella parte secca del mix, pastoncino giallo con un leggero retrogusto fruttato e un ottimo pallatant per chiudere quest’esca.

image2Questa esca mi ha regalato qualche cattura anche in questo periodo sia in pescate fatte in giornata sia in notturna. Per completare e aumentare l attrazione delle nostre esche, ci può venire in aiuto il nuovo GEKO DIP sempre di casa betackle, che ci uò dare una mano a direzionare le carpe sul nostro innesco.

Buona cosa come lo è anche per affrontare pescate in giornata, è accompagnare la nostra lenza con un sachettino in pva con all interno pellet o palline tritate oppure uno stick mix semplice e molto attrattivo.

Ok…. dopo aver parlato di esche, una cosa che consiglio vivamente è di fare tutto nel massimo silenzio, dato che tutti, dal suono più leggero, verrà percepito dalla natura circostante. Anche la nostra presenza sulle rive sarà percepita più facilmente dato che sarà più scontato che ci troveremo soli in pesca e non come può succedere in una giornata d estate dove molti angler possono decidere come noi di affrontare una sessione di pesca.

Infatti, fin quando il tempo lo permette, preferisco dormire in un semplice brolly oppure anche a cielo aperto ( le meravigliose stellate nelle limpide notti d estate non sono robe da perdere ragazzi, sarebbe un peccato) cosi da ridurre al massimo il frastuono di svariati picchetti per terra e il tempo di montaggio del campo, più siamo rapidi a montare il tutto più avremo tempo per dedicarci alla “caccia”.

image4Preparare le poche cose che ci portiamo appresso con criterio non sara cosa da poco. Se abbiamo la possibilità, posizioniamo il tutto in maniera acessibile e comoda cosicche se ci sarà una cattura non dovremo diventare matti a cercare il tutto che, cercalo con il buio non è mai bello.

Le ore migliori possono cambiare da acqua ad acqua, ma solitamente l imbrunire e le prime ore della serata, una piccola fascia delle ore centrali della notte saranno buone; ma il momento che preferisco io è l alba.

In questo momento tutta la natura riprende vita, il sole comincia a fare capolino tra le piante, la superficie dell acqua che viene rotta solamente dai salti delle carpe, le piccole goccioline di rugiada sull erba e i profumi di vita di quella nuova giornata….
In questo momento sara anche ottima cosa osservare con accuratezza i salti delle amiche d’orate. infatti sara il momento con maggiore atività del pesce che, saltando si ingannerà da solo sulla sua posizione.

Ecco, dopo queste piccole dritte che magari molti di voi sapevano gia, è ormai giunta l ora di ritirare le nostre lenze, sistemare le nostre poche cose che abbiamo portato e rientrare a casa cosi da essere pronti per la prossima e nuova battaglia. NEVER GIVE UP!!!!

Autore Sam Rossi -www.carpmagazine.it-



Condividi

Lascia un commento