Piccoli inneschi per grandi pesci

Condividi


foto-6Se ripenso al primo giorno che ho lanciato i miei terminali in acqua ricordo la mia convinzione nel credere che per prendere grosse carpe ci volessero grosse esche.

Quand’ho iniziato producevo le mie esche come ogni buon selfmaker e mai sotto ai 20mm, c’è da dire che erano altri tempi, c’erano molte cave dove tutti riuscivano ad andare e con poca pressione di pesca ed il pesce mangiava su qualsiasi tipo di boilies senza farsi tanti problemi se era aromatizzata con vanilla piuttosto che mussell…….

Ebbene si adesso è tutto cambiato!!!!!!

Per quanto riguarda la mia zona c’è una forte presenza di cave ma ormai tutte inaccessibili a noi carpisti, vuoi per la nostra negligenza quando assediamo le sponde di un lago o per altri motivi che non voglio approfondire adesso, sta di fatto che ci ritroviamo a dover andare in laghi piu o meno grandi che per lo piu sono gestiti privatamente, per il momento non pensiamo a canali e fiumi perche li è tutt’alltra storia……il mio obiettivo è quello di capire se al giorno d’oggi visto il poco tempo a disposizione e la moltitudine di impegni che ognuno di noi ha, è possibile che per andare a pesca e prendere grosse carpe le mini boilies ci aiutino a catturare grossi pesci…..

foto-2Negli anni dopo molte esperienze di pesca ognuno si fa la sua idea di come pescare, io mi son fatto la mia e quando mi trovo ad affrontare un lago voglio essere sicuro di farlo al meglio.

Non pensiamo allo spot ed al tipo di terminale ma bensi alla boilies che andremo ad innescare, immaginiamo di dover affrontare affrontare una cava a gestione privata dove troviamo una forte pressione di pesca ma la presenza di grosse carpe, prendiamo come esempio il parco del brenta o laguna blu, senza nulla togliere agli altri laghi ma questi li conoscerete di sicuro, mi son trovato a pescare le prime volte con esche di diametro sopra ai 18mm e i risultati non erano buoni, pochi pesci e mai grossi, cosi mi son deciso a cambiare il mio modo di pescare passando alle mini boilies.

Ho iniziato provando con le 12mm, di conseguenza ho dovuto modificare anche il mio terminale, perche con esche piccole non si puo usare la stessa misura di ami montati per boilies piu grandi,cosi sono passato dalle montature con ami del 4 al 6, per quanto riguarda la presentazione prediligo boilies singola gia dippata, molto piu attrattiva, mentre per la pasturazione uso sempre stesso tipo di boilies combinate con dei pellet.

foto-3Per quanto riguarda le boilies da pasturazione preferisco lasciarle una settimana prima in un contenitore con all amino nutric e nutric acid finish cosi da formare una crosta attrattiva che in acqua non fara che attirare le carpe, invece l’innesco gia dippato bastera ricoprirlo con della pasta che in un paio d’ore si dissolvera creando un forte richiamo sul nostro terminale, se lo spot è piu distante da riva solitamente uso retina in pva cosi da poter garantire un buon tappetino di pellet e boilies attorno all’amo….non facciamoci ingannare dal piccolo diametro, queste esche hanno tenuta in acqua come quelle più grosse…..Inoltre non dimentichiamoci, nei periodi che le carpe si alimentano meno e mangiano svogliatamente avremo più possibilità di catturarle con mini boilies, perché avendo meno appetito tenderanno a mangiare esche più piccole.

foto-1Le boilies che mi han dato piu soddisfazioni sono LK BAITS SEA FOOD, ICE VANILLA e BLACK PROTEIN, sta di fatto che sono iniziate ad arrivare le prime catture e le carpe piu grosse le ho prese proprio con queste boilies….non penso che esista carpista che non cerca la cattura della BIG….

Questa è l’esperienza vissuta da me che dopo aver provato di tutto e di piu posso dire che queste esche fanno la differenza..e spero che le proviate..se gia non lo fate…

Ringrazio tutti quelli che leggeranno questo mio primo articolo…ciao..

Testo e Foto di Matteo Dulcini -Lk Baits Italia- 

-www.carpmagazine.it-



Condividi

Lascia un commento