Piccoli canali del Polesine

Condividi


Buon giorno a tutti, oggi volevo parlarvi di un piccolo canale della pianura Polesana, più precisamente il collettore padano,COLLETTORE_PADANO_001 un canale artificiale che corre per tutto il Polesine tra il grande fiume Po e il canal Bianco. Purtroppo l’ accesso alle proprie sponde in molti casi è un’ impresa da pochi soprattutto nella zone limitrofe a Rovigo, dove si presenta con sponde a dir poco ripide e quasi mai praticabili; nell’ avvicinarsi alla località di Adria invece troviamo sponde accessibili in auto e adatte al posizionamento del pod e dell’ eventuale accampamento per le nostre sessioninotturne.

Più precisamente nella zona di Mazzorno Ë presente da circa 2 anni un campo garapermanente zona molto pressata in tutto l’ arco dell’ anno con competizioni e con carpisti che si recano per provare, effettuare test, o pescate libere forse per la facile e comoda accessibilità di tuttala sponda.

Oggi volevo prendere in considerazione proprio la zona del Campo Gara dove il canale si presenta con una larghezza dicol circa 50/60mt con corso praticamente fermo se non quando avviene l’ apertura dell’ idrovora a monte o a valle.

L’ acqua non è delle colorazioni migliori, quasi sempre molto torbida;questo non sembra creare danno alla vita delleCOLLETTORE_PADANO_002 carpe, difatti sono presenti in elevata quantità; in estate con temperature ottimali per il carp fishing si possono tranquillamente portare a guadino circa 10/15 carpe in sessioni di sole 12/24 ore. La taglia media del pesce si stima sui 3 kg con pochi esemplari che sfiorano i 10 kg, questo perchè essendo una zona molto pressata, ha fatto allontanare gli esemplari più vecchi e sospettosi in zone più tranquille lontano dal campo gara. Vorrei concludere questa panoramica generale dandovi delle ultime informazioni utili che bisogna sempre sapere prima di affrontare una sessione.

La profondità massima che possiamo trovare è di circa 2mt al centro del canale. Le zone dove posizionare i nostri inganni sono senza dubbio le zone sotto sponda, meglio se opposta al nostro accampamento, dovecarpa_collettt troviamo un plateau di circa mezzo metro di profondità duro, pulito e ricco di alimento necessario per la vita delle carpe.

Non prenderei in considerazione il centro del canale in quanto il fondo si presenta molle, sporco e a volte di cattivo odore. Per quanto riguarda l’ approccio di pesca, deve essere dei più light possibili, con rumori ridotti al minimo sia fuori che in acqua, evitando magari di sbattere i portelloni di auto, camminare ripetutamente sulla sponda o piantare i picchetti con una mazzetta; sconsiglio l’ uso del Rocket o dello Spomb per la pasturazione che potrebbe spaventare le carpe e in seguito farle allontanare dalla nostra zona di pesca portando a zero la possibilità di cattura.

Autore Luca dalla Villa – www.carpmagazine.it –

 

 

 



Condividi

Un commento su “Piccoli canali del Polesine”

Lascia un commento