Enduro carpisti per l’ Emilia grande esempio da seguire

Condividi


Per puro caso ho partecipato all’enduro del 16/17/18 Nov 2012 nel Valle Lepri di Ostellato. Doriano V. un ragazzo conosciuto a VallesantaSDC11075 questa Estate mi ha chiesto di partecipare insieme a lui perchè il suo socio non poteva e visto che avevo proprio l’ultima settimana a ore zero(a casa dal lavoro non retribuita) gli ho risposto di si.

I motivi sono stati 2,il primo perchè era per beneficenza e il ricavato delle iscrizioni sarebbe stato devoluto al comune di Bondeno (zona molto colpita dal terremoto del 20 Maggio 2012) il secondo perchè si svolgeva nel canale di Ostellato (vecchio campo gara) e dopo 3 anni di assenza avevo veramente voglia di tornarci a pescare.

Per me sarebbe stata una sfida non avendo mai pescato al lancio ma con gli inneschi calati con la barca, sempre in periodo invernale e tornata con un solo cappotto (il canale era mezzo ghiacciato e ci aspettavamo di non sentire qualche bip).

Per questa sessione ho deciso di cambiare i soliti aromi usati in questo canale(boiles alla fragola e boiles al pesce) e sperimentare qualcosa di nuovo, il mix sempre lo stesso (birdfood a grana fine) ma 2 tipi di boiles con aromi opposti, le prime alla crema e burro(acidi) e le seconde con mandarino, ananas e olio essenziole al pompelmo (basici).

Molti pescatori basano le loro boiles sul tipo di farine messe nel mix, io invece mi baso su gli aromi…a torto o a ragione. Il venerdi alle 11 ero già al ritrovo, in un capannone a qualche km dal canale. Le estazioni delle poste erano alle 12.30 ma così ho avuto modo di fare 4 chiacchiere con vecchi amici e conoscerne dei nuovi tra cui alcuni dei ragazzi dell’Anonoma Carpisti, gli organizzatori dell’evento(grandi,grandi persone).

Il compito di estrarre la posta è stato mio,uscita la numero 13, reputata discreta dal mio socio di pesca(grande conoscitore del canale perchè ci disputa parecchie gare)ne sono stata contenta,almeno avevo già fatto qualcosa di buono…Arrivati in postazione abbiamo armato le canne e atteso l’inizio gara delle 15,alle 15.10 mi informo dai nostri vicini del xchè non arrivava il suono e mi hanno risposto che era incominciata alle 14.30, le estrazioni erano state veloci, i partecipanti(56 coppie) tutti presenti e l’organizzazione aveva deciso di anticipare di mezz’ora l’inizio ma io e il mio socio nel caos di gente nel magazzino non avevamo sentito, così mentre noi dovevamo ancora calare c’era già stata la prima cattura.

La mia preoccupazione era di non riuscire ad arrivare vicino a canneto con i miei lanci piuttosto discreti(in senso negativo)così in bobina hoSDC11063 messo del monofilo del 25 e sperare di aumentare la distanza di qualche metro..così è stato e un paio di volte ci ho lasciato piombo e terminale.

Come boiles da pastura avevo solo delle 18mm così ho chiesto l’aiuto del mio socio x la pasturazione(piuttosto scarsa perchè il canale è veramente pressato)come con i lanci pure col cobra non me la cavo molto bene ma per fortuna che Doriano arrivava sopra gli inneschi molto facilmente. Inaspettatamente mentre eravamo ancora a sistemare tende e cose varie alle 17 ho avuto la prima partenza,una bellissima regina di 5.5kg,veramente una grande soddisfazione.

Il rilancio è stato un pò critico a causa di un pò di nebbia e un buoi quasi totale,ma probabilmente non era stato così male perchè dopo un paio di ore è arrivata la seconda regina di 10kg. Io fino al mattino non ho cambiato gli inneschi,il mio socio invece abituato in altra maniera alle 3 ha avuto la sveglia dal cell e ha cambiato tutte le esche, a differenza di me lui faceva i lanci al millimetro anche al buio perchè nelle ore del pre gara ha fatto qualche lancio di prova e dopo aver trovato la distanza giusta ha bloccato il filo nel fermo del mulinello (la classe, l’esperienza e la tecnica non fanno parte del mio bagaglio tecnico ma ho un pò di fattore C che mi aiuta spesso)Durante la notte ho sentito il tipico rumore che fà il siluro e come mi è già successo in passato non ho avuto più partenze(forse proprio a causa di qualche siluro in zona).

Il sabato mattina l’organizzazione si è presentata con una buonissima fetta di crostata, molto gradita da tutti. La giornata è passata fra chiacchiere, risate con i ragazzi della posta 14, fra l’altro amici di Doriano e informazioni su quanti pesci erano stati presi nelle varie poste. Con sorpresa per pranzo è arrivato anche un piatto caldo di pasta con ragù e un panino con salsiccia alla sera.

Io e il mio socio eravamo fermi con le catture da più di 24 ore e come faccio spesso quando mi trovo in difficoltà perchè non sento dei bip ho chiesto ai miei amici di F.B. di augurarmi buona pesca.Sarà stato l’augurio,le boiles agli agrumi, la posta buona o un colpo di fortuna ma nella serata ho preso 3 regine nel giro di 2 ore.

Il mio socio è rimasto un pò incredulo da tutte queste catture ma sicuramente avevo una piccola zona dove stazionava un pò di pesce e anche avvicinandomi con le altre 2 canne con le stesse boiles non c’è stato verso di catturare se non sempre con la stessa. Doriano ha pure provato tutta la notte del sab con una delle mie boiles ma non aveva pesce sotto le sue esche,come altre 40 coppie che non si sono sbiancate in 3 giorni di pesca.

Il Valle Lepri a volte è bastardo,puoi essere bravo a pescare ma non catturare o viceversa una dilettante come me e aver la fortuna di guadinare qualche pesce. Una cosa che ho imparato sab sera è di non togliersi mai la lampada da testa durante la notte, mentre Doriano era andato in visita dai suoi amici per fare 2 chiacchiere(io ero andata nella mia tenda a riposare già dalle 19)sono uscita per bere un pò di acqua ed ecco la partenza,ho dovuto guadinare praticamente al buio perchè la mia lampada era in tenda, ho faticato e non poco e quando ho recuperato la lampada mi sono resa conto di avere il filo sopra l’altra canna ma al buio non me ne ero resa conto, io avevo provato a chiedere aiuto ma Doriano e i ragazzi che stavano ad almeno 100 mt da me non mi hanno sentito.

Alla cattura successiva mi sono ingegnata,,visto che il mio socio era ritornato dagli amici perchè mai avremo pensato ad un altra partenza dopo mezz’ora, per avere attenzione ho incominciato ad accendere e spegnere la lampada da testa e in 3 secondi Doriano era lì, col fiatone a guadinarmi il mio best, stupenda regina di 12 kg. Dopo un’ora e mezza arriva una calatina,rimetto la scimmietta in linea e ricala,alla terza il mio socio mi dice che posso tirare perchè è una brema, ferro e gli dico che è sicuramente la brema più grande del canale, era una regina di 5 kg.

Mai dare x scontato che una calatina o dei piccoli bip siano per forza di breme o pesci di disturbo,potrebbe arrivare la sorpresa. Anche in questa sessione il mio modo di pescare molto semplice non mi ha deluso, cinque catture su cinque partenze, più una brema presa al sabato pome quando non vedendo partenze ho provato pure la pellet come innescoUso sempre ami awa shima senza ardiglione, anellino con nodo senza nodo, fluorcarbon del 28/30, piombi in linea di 80 gr e monofilo in bobina del 25.

Alla domenica matt abbiamo incominciato presto a disfare tenda e mettere via tutto quello che non serviva più perchè la pioggia era in arrivo, alle 11 il suono di fine gara è arrivato insieme a una leggera pioggerellina che ci aveva graziato per 2 giorni, anche se la nebbia delle 2 notti prima ci aveva messo del suo e siamo andati via con tutto bagnato o umido. Siamo tornati al capannone per le premiazioni e durante i conteggi del peso complessivo delle catture è arrivata un’altra sorpresa, ci siamo piazzati terzi.

Davvero inaspettato, grande emozione salire sul podio,ricevere i complimenti dal sindaco di Bondeno(presente per ringraziare della donazione dei 5000euro raccolti) e gli applausi degl’altri pescatori. Più che una competizione è stato un raduno che ha unito tanti pescatori con la stessa passione e un unico obbiettivo….raggiunto alla grande…Durante la premiazione di tutte e 56 le coppie non ho visto nessuno deluso dal proprio risultato, anzi tutti contenti di aver partecipato e aver dato un aiuto concreto al paese di Bondeno.

Spero che in futuro si organizzino altri enduri solidali come questo ma capisco la fatica e il lavoro che ci stà dietro per realizzarli. Grazie a chiMaurizia Coreggioli ha lavorato per settimane prima,durante e pure dopo(il dvd è davvero un bel ricordo).Ci avete fatto sentire importanti col nostro piccolo contributo…….noi non dimentichiamo….e non vi dimentichiamo….

Fishing Lady Maurizia Coreggioli  www.carpmagazine.it



Condividi

Lascia un commento