La 1º rivista digitale nata in Italia sulla tecnica del Carpfishing

Regole nel CarpFishing

Condividi


Regolamento per il rispetto dei pescatori e delle persone

1) nessuna postazione di pesca in acque libere deve essere considerata proprietà privata, per nessun motivo, nulla lo potrebbe giustificare.

2) il pescatore dovrà tenere nella giusta considerazione i pescatori vicini non calando le proprie lenze lateralmente e comunque non allargandosi oltre i 20 metri circa.

3) non danneggiare in nessuna maniera, terreni o luoghi pubblici e privati ,campi coltivati, alberi, recinzioni o passaggi per cercare di arrivare alla postazione con auto o altri mezzi.

4) durante le sessioni di pesca usare il massimo rispetto per i vicini pescatori. Non bisogna urlare ne quantomeno bestemmiare cercando di evitare tutte quelle situazioni che possano disturbare la quiete altrui. Tenere bene in considerazione il fatto che anche i rumori di moto motorini e auto recano disturbo ai pesci e conseguentemente agli altri pescatori.

Inoltre l’utilizzo di barche, gommoni a remi o motore e barchini radiocomandati dovrà essere il più razionale possibile cercando di evitare il troppo rumore.

5) tali regole non valgono solo per il carpista ma anche per tutti i praticanti le altre discipline del settore pesca.

6) il dialogo e la tolleranza sono alla base di ogni rapporto civile non dimentichiamolo mai soprattutto quando siamo a pesca.

7) In ogni sport disciplina o passione la prima cosa essenziale a cui pensare è il rispetto e la salvaguardia di noi st! essi . CHI USA LA BARCA PER PESCARE DEVE INDOSSARE OBBLIGATORIAMENTE IL GIUBBOTTO DI SALVATAGGIO

Regolamento per il rispetto ambientale

1) cercare di mantenere il posto di pesca pulito, recuperare e gettare negli appositi contenitori, qualsiasi tipo di immondizia, anche un mozzicone di sigaretta.Se il posto di pesca fosse sprovvisto di contenitori raccogliere il tutto in sacconi da gettare poi nel cassonetto.

2) per il fabbisogno corporale personale adoperare un semplice sacchetto o borsa di nylon per poi gettarlo, ben chiuso, negli appositi bidoni delle immondizie o semplicemente fare preventivamente una piccola buca per terra che provvederemo a ricoprire successivamente.

3) nell’approntare una posta non esagerare nel tagliare erba, canneti, piccoli arbusti ecc. E’ severamente proibito l’abbattimento di qualsiasi albero senza la necessaria autorizzazione rilasciata dagli enti competenti mediante documento scritto e firmato.

Regolamento per il rispetto della carpa

1)Le operazioni di slamatura di ogni carpa dovranno essere eseguite sopra un apposito materassino da carpe, preventivamente ben bagnato. Se tenuta a lungo fuori dell’acqua la carpa dovrà essere bagnata continuamente onde evitare danni alla mucosa.

2)Quando si libera la carpa appoggiatela in acqua sulla pancia e rilasciatela dopo averla ossigenata spingendola in avanti.

3)E consentito il mantenimento di una sola carpa alla volta all’interno di appositi carp-sak per evitare danni provocati delle contusioni che reciprocamente due pesci potrebbero provocarsi.

4) non prelevare carpe da qualsiasi fonte per trasferirle in altri corsi d’acqua a scopo personale.

5)Si consiglia l’uso di un disinfettante per l! e probab ili abrasioni che può riportare la carpa durante il combattimento.

Principi morali

1)Nel caso in cui si trovi la postazione da noi pasturata occupata da un altro pescatore cercare di dialogare con educazione e rispetto mai provocare od offendere o cadere nelle provocazioni dell’interlocutore.

2)Chi dovesse notare una postazione di pesca costruita in un posto difficoltoso da preparare e che, magari noi stessi non ci azzarderemmo a preparare(ad esempio boscaglie o rive frananti ecc.) dovrà rispettare il faticoso lavoro altrui scegliendo di cambiare postazione.

3)Pescare in zone con molti ostacoli senza barca comporta una pessima scelta per il rispetto e la salute delle nostre amate carpe.

4)Ogni carpista ha il dovere e diritto di denuciare tempestivamente alle Autorità compenti tutti i comportamenti non eticamente corretti dei quali è stato testimone.

Autore Andrea Bellelli



Condividi

Lascia un commento