IL lupino 2


Condividi


Il Lupino è un legume conosciuto fin dai tempi più antichi, soprattutto in America e nell’Europa Meridionale, da sempre utilizzato per l’alimentazione animale, ma in alcuni paesi, dopo un processo di salamoia, vengono consumati cotti anche dall’uomo,quindi nulla da meravigliarsi se è un esca eccezionale per le nostre carpe.

Si presenta con una forma piatta e tondeggiante, molto simile al mais gigante anche per via del suo colore giallo; ha una facile reperibilità, infatti lo troviamo già pronto sugli scaffali dei supermercati oppure secco in qualsiasi consorzio agrario.

Ha un alto valore nutrizionale e la sua farina è utilizzata da diverso tempo da moltissimi carpisti di tutta Europa per via della sua alta capacità legante e per la buona digeribilità, viene utilizzata sia come ingrediente per la fabbricazione di boilies che per la preparazione di method mix.

I lupini secchi li possiamo preparare come la maggior parte delle granaglie, lasciandoli in ammollo un giorno in acqua salata (5grammi per kg di secco),dopodichè vanno fatti bollire per circa 25 minuti, come sappiamo i tempi di cottura sono sempre approssimativi, l’importante è che le esche risultino ben cotte, magari togliamo un po’ prima della fine della cottura i semi che dedicheremo all’innesco. Una volta cotti vanno lasciati raffreddare in un contenitore ermetico per ameno un altro giorno.

Per esperienza personale i lupini non necessitano di una lunga pasturazione preventiva, visto che in alcune sessioni mi hanno regalato delle catture dopo un solo giorno di pasturazione, la loro forte capacità attrattiva è dovuta dalla loro buona digeribilità e si sono rivelate ottime esche in tutto l’arco dell’anno.

Possiamo dare una marcia in più ai semi scelti per l’innesco lasciandoli in ammollo in una soluzione di Hemp oil CCMoore e CSL CCMoore miscelati in parti uguali. Si possono creare degli stick tritando i semi cotti e asciugandoli con della semplice farina di mais o con un prodotto specifico come l’Hemp Halibut stick mix CCMoore, oppure creando delle grosse palle di pastura da lanciare in prossimità del nostro innesco mischiando la poltiglia ottenuta con uno dei Method mix della linea CCMoore ed inserendovi all’interno alcuni lupini interi.

Il lupino è un esca che si presta all’utilizzo con diversi tipi D-Rig, ma la sua migliore presentazione la troviamo in un “D Rig” ,montatura spesso utilizzata per le granaglie, ma anche un classico e insostituibile Hair-Rig ci darà delle immense soddisfazioni.

Provare per credere!!!

 



Condividi

Lascia un commento

2 commenti su “IL lupino

  • Maurizia Coreggioli

    Mi viene da ridere caro Luca ma proprio il lupino… in una pescata fatta a novembre 2011 in un laghetto di Ferrara…mi a fatto fare 4 catture(3 carpe e un americano)buona parte del lago era a cappotto meno il mio vicino di pesca e io dopo aver provato i miei 2/3 tipi di boiles ho guardato i lupini che stavo mangiando e ho detto “perchè no!!”Dopo aver tolto la buccia ne ho messi 2 e lanciato….neanche mezz’ora e ho preso una carpa da 14kg..con grande sorpresa del mio vicino di pesca che oltre alle boiles non considera altre esche e poi di seguito le altre 3 catture…

    • Luca Papa

      Ciao Maurizia,si è un esca formidabile per conto mio,non manca quasi mai nelle mie sessioni in quanto mi hanno regalato sempre belle soddisfazioni e li trovo già pronti al supermercato. Amo e utilizzo da sempre le granaglie e in particolar modo il lupino specialmente come esca …E’ poco conosciuto e quindi non molti lo usano.Sarà proprio questo il suo segreto?…:)A presto!!!!