Avid Carp HQ Bivvy

Condividi


Da inizio 2012 ho avuto la fortuna di iniziare a collaborare con Avid Carp, una nota azienda di stampo britannico che anche grazie al lavoro svolto dal distributore Betti Sport si sta velocemente facendo conoscere. Questa ditta a mio avviso può essere paragonata alle grandi come Nash e Fox dato che produce prodotti veramente innovativi, non sempre le solite minestre viste e riviste.

Tuttavia, senza sfociare, oggi volevo parlarli di quella che per me è la miglior tenda ora presente sul mercato, la HQ. Questa tenda nasce sia in versione 1man che 2 man, è inoltre disponibile una versione europea molto ma molto grande, che riesce a contenere più di 3 lettini, ma passiamo alle caratterisiche di questa bellissima tenda.

Come ogni tenda inglese essa non si sviluppa verso l’alto, bensì è stata strutturata in modo che nella parte centrale si possa adagiare perfettamente un lettino orizzontalmente mentre la parte posteriore potrà essere usata per adagiarvi tutta l’attrezzatura necessaria e l’anteriore può tranquillamente ospitare una sedia e tutte le esche.

Partendo dal peso posso subito dirvi che la tenda 1man pesa 13kg, che non sono pochi, ma sono ben distribuiti; 4kg infatti spettano al pavimento della tenda, creato appositamente per occupare poco spazio ma per rimanere sempre ancorato al suolo, esso potrà essere applicato alla tenda semplicemente collegandolo a tale tramite clip per poi “rivoltarlo” in modo da creare una perfetta protezione da insetti e animali.

Oltre che il pavimento la tenda include anche 15 picchetti del tipo “a trivella” per un inserimento semplice e veloce ed un bloccaggio assicurato.

Passiamo ora alla tenda vera e propria. Essa si costituisce da 3 tubi principali, dotati di un metodo di aggancio molto veloce e facile, anch’esso unico nel suo genere che permette a questi 3 tubi, molto resistenti ed eleganti di restare perfettamente agganciati.

 

Una volta montati questi pali dovrete picchettare la parte posteriore della tenda, che include una comodissima finestra completamente personalizzabile sia dall’interno che dall’esterno, a tal proposito vorrei parlarvi della parte più importante della tenda, il sistema di ventilazione innovativo che si compone di 3 parti, il telo interno, la finestra posteriore e la parte anteriore, completamente personalizzabile sia da fuori che da dentro in versione zanzariera e divisa in 3 parti: il telo interno, anche questa una grande innovazione, è collegabile tramite semplici clip e “raccoglie” tutta l’aria calda nello strato compreso tra esso e la tenda, in tal modo, l’aria fredda, più pesante si bloccherà tra il lettino e il suolo (che libera calore) lasciandovi uno strato di aria a temperatura costante e continuamente ventilata, capisco che è un concetto un po’ difficile da spiegare ma vi dico soltanto che ho dormito in questa tenda lasciando finestra e davanti in modalità zanzariera con soltanto una felpa e un leggerissimo sacco a pelo, sotto una continua tramontana e temperatura sotto i 7° per cui, fatevi due calcoli.

 

Tornando sulla parte dei tessuti, grazie al materiale innovativo del telo della tenda non avrete bisogno di un sovratelo, se lo abbinate al telo interno, il telo esterno infatti è veramente resistente e inoltre è molto spesso e protegge dall’acqua in modo perfetto.

Nella confezione, una comoda borsa dotata di tracolla, trovano inoltre spazio i distanziatori, 3, di cui uno da applicare dietro alla tenda, oltre a questi 3 distanziatori Avid Carp ha pensato bene di inserire 2 “rod retainers” cioè comodissimi distanziatori dotati di un blocco di gomma completo di straps in velcro per bloccare le canne quando non si vogliono utilizzare gli straps sulla parte frontale della tenda.

Scusate per la descrizione ma parlare di tutte le caratteristiche di questa magnifica tenda è difficile, per cui non posso far altro che invitarvi nella pagina ufficiale Avid Carp Italy gestita da me, dove potrete vedere video e foto di tutti i prodotti e chiedere informazioni, in qualunque momento, Grazie per la visualizzazione e benvenuti nel futuro del Carpfishing.

Leonardo Rosselli

 

 



Condividi

Lascia un commento